Gli ingredienti per uno storytelling di successo

Ormai tutti i professionisti che si occupano di comunicazione corporate e sostenibilità aziendale sanno che le storie, le interviste, i case study e gli esempi concreti sono l’elemento chiave per far capire al mondo come un’azienda affronta i temi più importanti, per lei e per il mondo.

 

In base alle nostre ricerche, gli esperti di sostenibilità e professionisti della CSR considerano questo elemento tra quelli fondamentali per valutare l’impegno di una società, appena al di sotto della strategia e più importante di dati di performance o altre informazioni quantitative.

 

Ma, come si sa, molti ci provano e pochi ci riescono.

 

Circa un terzo delle aziende italiane analizzate nella 7° edizione della nostra ricerca CSR Online Awards  ha infatti iniziato a integrare storie su temi di sostenibilità all’interno dei siti corporate in generale, all’interno di magazine, o di blog aziendali. Accompagnando ovviamente le parole a elementi visuali.

 

Grazie alle nostre continue ricerche di settore e una multi sfaccettata esperienza nel mondo della sostenibilità, possiamo dire che solo una è infatti la formula che effettivamente è in grado di soddisfare le esigenze di tutti, anche degli stakeholder più difficili.

 

Crediamo che la cosa più importante sia un approccio sistematico, continuo nel tempo, capace di mettere insieme la sostanza, con una presentazione aziendale coerente e un utilizzo accurato dei “tool” della comunicazione digitale.

 

Le storie ci permettono di staccarci dalla realtà, essere per un attimo qualcun altro, vivere le avventure del protagonista e scoprire insieme a lui il mondo. Comunicare i temi chiave dell’azienda attraverso le storie è quindi un modo di spiegare concetti magari difficili e allo stesso tempo uno strumento accattivante per tenere viva l’attenzione ed emozionare chi legge.

 

Ovviamente, in termini di comunicazione aziendale, è necessario essere coerenti con la strategia e con le priorità aziendali (che nel mondo della sostenibilità chiamiamo “materiali”). Due esperti di CSR su tre dichiarano nella nostra indagine di sentirsi “frustrati” o “molto frustrati” se vedono che l’impresa presenta la sostenibilità in modo slegato dal core business (è la prima causa di frustrazione).

 

Si può dire, quindi, che la materialità – ossia l’analisi delle tematiche di sostenibilità rilevanti per un’azienda sulla base sia dell’impatto sul business sia delle percezioni degli stakeholder – sia diventata una lente importante attraverso cui capire l’agire di un’impresa. L’identificazione di temi prioritari è uno dei tre elementi cardine per un utente che vuole capire la sostenibilità di un’azienda online, insieme all’approccio strategico e agli obiettivi.

 

La sfida finale dello “storytelling” della sostenibilità, però, è riuscire portare il racconto a tutti gli stakeholder: raccontare quindi l’impegno laddove ha senso per gli utenti. Questo significa creare un’integrazione a livello contenutistico, allineando lo “storytelling” della sostenibilità alla narrazione più ampia che l’azienda cerca di fare, e inserendo queste storie su diversi canali e ambiti.

 

Le aree dei siti in cui la ricerca CSR Online Awards ha riscontrato il più alto tasso di integrazione di contenuti di sostenibilità sono la sezione “Chi Siamo” (83% delle aziende analizzate fa riferimento alla sostenibilità) seguita da “Careers” (73%). Al contrario la parte del sito che parla di meno di sostenibilità risulta essere la sezione “Investors” (50%), nonostante la crescente attenzione da parte degli investitori alle performance non finanziarie.

 

Infine, un approccio interessante in crescita e seguito da circa un terzo delle aziende italiane analizzate è l’integrazione di storie di sostenibilità all’interno di magazine o aree esclusivamente dedicate allo “storytelling”.

 

Per sapere di più sulla ricerca e consultare il nostro White Paper

 

Se vuoi ulteriori approfondimenti su questo tema, leggi anche:

 

Come sta cambiando il panorama della sostenibilità in Italia, quattro scenari, due possibili risposte

Il cambio di passo della comunicazione online di sostenibilità in Italia


Leave a Reply




Post Comment

Read our blog

Our blog is an informal space we use to keep in touch with friends and all those who share our enthusiasm for digital and corporate communications. We post our views on interesting trends, comment on best practice or report back from the conferences we speak at or attend. We also highlight our latest videos and post announcements and photos from our own events. We hope you’ll be inspired to think, comment and share.

Latest news

Webranking 2016-2017 fashion and luxury sector: Still a long way to go for fashion and luxury groups to become credible communicators

The 1st edition of Webranking to exclusively look at Europe’s luxury and fashion (L&F) industry shows that L&F groups must increase their efforts to demonstrate long-term financial credibility, sustainable business practices, and innovation capability to an ever-demanding group of stakeholders. The research is conducted by Lundquist in collaboration with Comprend.

 

Read our whitepaper here

 

Digital transparency test for non-listed companies continues into fourth year – inclusions & deadlines

In line with increasing demands for accountability and transparency, Webranking by Comprend will continue to include and assess major non-listed companies in Italy and Switzerland. The ranking is conducted by Lundquist.

 

Noting the pivotal role that Italy’s and Switzerland’s non-listed companies play in their respective economies, this is the fourth year that Webranking takes an in-depth look at a section of companies that have an important impact on society, culture and economy.

 

Webranking by Comprend is Europe’s most in-depth annual analysis of online financial and corporate communication, covering the largest companies by market capitalization and largest non-listed companies in Europe and globally. Find out if your company is included below.

Our latest thinking

© 2016 Lundquist – Partita IVA 05881100969

css.php