Come sta cambiando il panorama della sostenibilità in Italia: quattro scenari, due possibili risposte

Negli ultimi due anni non vi è stato nessun sostanziale cambiamento nel panorama italiano a livello di numero di società quotate che hanno avviato processi di rendicontazione di sostenibilità: questo uno dei risultati più importanti della nostra ultima ricerca CSR Online Awards.

 

È in questi ultimi mesi, invece, che stiamo assistendo a una importante trasformazione del panorama in termini di approccio alla sostenibilità d’impresa, grazie all’entrata in vigore, a partire dall’esercizio 2017, del D.lgs. 30 dicembre 2016 n. 254, che recepisce la Direttiva europea riguardante la comunicazione di informazioni di carattere non finanziario.

 

Questo recente obbligo normativo “scombina” il mondo fino ad oggi conosciuto della Corporate Social Responsibility (CSR), di carattere prevalentemente volontario: dalla storica bipartizione in aziende impegnate o non impegnate nella sostenibilità si passa a quattro diversi cluster di imprese, le cui direttive – o confini – sono rappresentate, da una parte, dall’obbligo dettato dal Decreto, e dall’altra dall’aver intrapreso o meno un percorso strutturato di sostenibilità.

 

 

I quattro cluster del nuovo panorama

 

Il salto di qualità. Sono le imprese già coinvolte in un percorso di sostenibilità che, grazie all’avvento del Decreto, si trovano di fronte alla possibilità di migliorarsi ulteriormente, di rendere il proprio percorso distintivo e di porsi sul mercato come organizzazioni portatrici di valore condiviso.

 

 

La scelta consapevole. In questo cluster rientrano tutte le organizzazioni che, pur non ricadendo nell’obbligo di legge, si sono volontariamente incamminati lungo un percorso di sostenibilità, dimostrando una visione all’avanguardia e consapevole. Nello scenario creato dal Decreto, queste imprese sono quelle più soggette all’“esame di maturità”: esse hanno infatti la possibilità di migliorare il proprio approccio alla sostenibilità e processo di rendicontazione in modo del tutto volontario, dando un segnale inequivocabile di consapevolezza e di serietà (anche per il costo che implica) dell’importanza di questi temi.

 

 

Il bivio. In questo gruppo ricadono le imprese a oggi più in fermento, perché obbligate a rendicontare e a impegnarsi in un ambito che fino ad ora non avevano mai affrontato o mai in maniera strutturata. È soprattutto per queste organizzazioni che diventa fondamentale decidere come affrontare la situazione: meglio assumere un atteggiamento “difensivo” e scegliere la strada della compliance alla legge oppure cogliere l’occasione per trovare il proprio approccio alla sostenibilità quale leva strategica futura di business, sfruttando le lezioni delle tante imprese che questa strada l’hanno già intrapresa?

 

 

Il campanello di allarme. Sono le imprese al di fuori degli obblighi normativi sulle informazioni non finanziarie e che non hanno intrapreso alcun impegno strutturato nella sostenibilità. Queste organizzazioni sono chiamate a riflettere sul proprio futuro: se è vero che a oggi non è richiesta alcuna disclosure in merito ai temi di sostenibilità, non è da escludere che le cose non cambino o che diventi una prassi che ci si aspetta da parte di qualsiasi impresa seria. In tal caso, non aver colto questo momento per mettere in atto un cambiamento  potrebbe penalizzare lo sviluppo futuro del business.

 

Grazie a questa nuova disposizione legislativa, assisteremo al riconoscimento della sostenibilità – o almeno della sua rendicontazione –  quale elemento integrante del normale svolgimento delle attività aziendali e dei sistemi di gestione interni.

 

Due sono le possibili risposte. Una è il rischio che, anche a causa del sistema sanzionatorio previsto, questa nuova legislazione possa venire affrontata come un ulteriore adempimento burocratico, portando così le imprese a concentrarsi unicamente sulla realizzazione di un flusso di reporting rigoroso, senza la costruzione di una cultura interna né una vera presa di coscienza da parte dell’impresa che dia una visione d’insieme dell’impegno nella sostenibilità. E’ un momento particolarmente delicato perché la situazione porta la sostenibilità all’attenzione di membri del board e del top management.

 

Ma le rigidità imposte dalla legge non devono rendere “accecare” le imprese: dall’altra parte il Decreto nasce per aprire tante opportunità, prime tra tutte la possibilità di intraprendere percorsi di crescita distintivi e di acquisire nuovi vantaggi, potenziare la relazione con gli stakeholder e creare un valore duraturo nel tempo, grazie alla costruzione di un proprio approccio di successo.

 

Ponendo una base comune per tutte le aziende, il Decreto vuole spronare ogni impresa ad essere ancora più incisiva nel realizzare/potenziare il proprio impegno nella sostenibilità. Ora tocca alle imprese decidere da che parte stare.


Leave a Reply




Post Comment

Read our blog

Our blog is an informal space we use to keep in touch with friends and all those who share our enthusiasm for digital and corporate communications. We post our views on interesting trends, comment on best practice or report back from the conferences we speak at or attend. We also highlight our latest videos and post announcements and photos from our own events. We hope you’ll be inspired to think, comment and share.

Latest news

Getting left behind? CSR communications in Switzerland undermined by low transparency

The performance of Swiss companies in the 7th edition of the CSR Online Awards is undermined by a lack of transparency, an issue that has not improved since our previous edition of the research two years ago.

 

The top of the ranking of 57 leading Swiss companies – published today in association with Bilanz magazine – remains little changed from the past. Nestlé maintains its dominance in the top spot (63.5 points), comfortably beating Roche (55.25) and Credit Suisse (52.5) into 2nd and 3rd place respectively. But the wider picture is marred by the fact that a majority of the companies we studied don’t meet basic levels of non-financial transparency on environmental, social and governance topics, either online or in formal reports.

Deadline for Webranking evaluations set for Aug. 31

On Thursday August 31st we will be closing the 2017-2018 edition of Webranking for the year, the annual ranking measuring the quality of online financial and corporate communications. The Italian, Swiss, and Austrian editions of Webranking by Comprend are carried out and coordinated by Lundquist.

 

This is the last call for companies to notify us of any significant changes made to their websites during the month of August, by sending us, via e-mail, a list of links to the pages that have been altered.

 

Our latest thinking

© 2016 Lundquist – Partita IVA 05881100969

css.php